IDI - Istituto Dermopatico dell'Immacolata

Tumore del colon-retto: segui il percorso della prevenzione

Play Video

Il tumore del colon-retto rientra tra le forme più comuni di cancro, posizionandosi come la terza causa più frequente negli uomini e la seconda nelle donne. Secondo i dati più recenti del 2022, la percentuale di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi in Italia è del 65% negli uomini e del 66% nelle donne.

La Regione Lazio è da sempre impegnata in programmi di screening con inviti attivi rivolti ai cittadini. Grazie a queste campagne le persone ricevono una lettera di invito per sottoporsi ai test necessari alla prevenzione. Spesso questi inviti vengono sottovalutati, sia per paura o per scarsa conoscenza dell’argomento.

La prevenzione non deve far paura. Per questo motivo l’Istituto Dermopatico dell’Immacolata ha realizzato un video per sensibilizzare e  promuovere lo screening del tumore al colon-retto e come aderire alla campagna di prevenzione della Regione Lazio. Si ringrazia il Prof. Emilio Di Giulio, direttore dell’Unità Operativa Semplice di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell’Ospedale IDI-IRCCS di Roma, uno dei protagonisti del filmato.

 

Il tumore del colon-retto

Questo tipo di tumore spesso si sviluppa a seguito dell’evoluzione di lesioni benigne, come i polipi adenomatosi, nella mucosa dell’intestino, richiedendo un periodo significativo di 7-15 anni per trasformarsi in forme maligne.

Per lo screening del tumore del colon-retto, vengono utilizzati principalmente due test:

  • la ricerca di sangue occulto nelle feci (SOF)
  • la rettosigmoidoscopia

Il test più comune è la ricerca del sangue occulto, eseguito ogni 2 anni nelle persone tra i 50 ei 69 anni. L’esame è molto semplice, con la raccolta di un piccolo campione di feci effettuata a casa, seguita dalla ricerca di tracce di sangue non visibili a occhio nudo. Inoltre, questo test non richiede restrizioni dietetiche prima dell’esecuzione.

La rettosigmoidoscopia è un esame endoscopico eseguito una sola volta tra i 58 ei 60 anni. Questo esame consente la visualizzazione diretta dell’ultima parte dell’intestino, dove si sviluppa la maggior parte dei tumori del colon-retto.

La presenza di tracce di sangue può essere un segnale di tumori o polipi che potrebbero degenerare in futuro. In caso di risultati positivi alla ricerca del sangue occulto nelle feci o alla rettosigmoidoscopia, i programmi di screening prevedono una colonscopia approfondita, che consente di esaminare l’intero colon-retto. La colonscopia non solo è un efficace strumento diagnostico ma anche terapeutico, in quanto consente la rimozione dei polipi durante la procedura stessa.

Dopo la rimozione, i polipi vengono analizzati e, in base al numero, alle dimensioni e alle caratteristiche delle cellule, vengono avviati percorsi terapeutici e di controllo personalizzati.